ho capito che..

bollicine.jpg

– non sono una persona competitiva, odio la competitività

– mi piace il lavoro di gruppo, adoro collaborare per raggiungere un obiettivo

– mi piace lavorare, come mi piaceva studiare all’università

– quando sono inattiva muoio un po’

– non sono una leader, ma sono una coordinatrice

– odio il silenzio

– comincio ad avere la nausea per gli orari prefissi, posso lavorare anche fino a notte, non pranzare, ma ho bisogno di potermi fare una passeggiata nei momenti in cui mi sento oppressa.

– ho bisogno di stancarmi

– cambio idea spesso ma non penso che sia un difetto

– non scendetò mai a compromessi…non l’ho mai fatto e ne sono fiera

– non sono ambiziosa, se ambizione vuol dire rinunciare a uno stile di vita decente per raggiungere una posizione e guadagnare un botto di soldi

– preferisco avere poco ma poter sorridere la mattina quando mi sveglio perchè sto facendo una cosa che mi appassiona, piuttosto che essere ricca e non potermi godere una giornata di sole

non so se è tanto, ma almeno adesso so meglio chi sono

Advertisements

Informazioni su gabry

la bellezza salverà il mondo
Questa voce è stata pubblicata in a little bit of sadness e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a ho capito che..

  1. velvet ha detto:

    non è tanto ??? accidenti cara…c’è gente che nemmeno dopo un secolo di vita ha le idee così chiare…..!!! brava …e poi su tanti punti….anzi su molti …condivido le tue stesse idee !!

  2. Sarah ha detto:

    Sei molto avanti con i lavori su te stessa, direi, complimenti, questo periodo ti ha accresciuto!

  3. sorridente ha detto:

    Anche io condivido molto di quello che hai scritto. Credo fermamente che il lavoro e le ambizioni siano una parte importante della vita, ma sono certa che se una persona non può essere serena, avere il tempo di vivere le piccole cose, le soddisfazioni sul lavoro o legate alla riccheza valgano veramente poco…

  4. gabry ha detto:

    -@ velvet: beh di contro ci sono persone che a queste conclusioni ci arrivano già a 18 anni…. io ho sempre pensato, o forse mi sono convinta, di essere qualcuno che forse, guardandomi bene dentro, in realtà non sono. e solo ora ho capito che forzare la propria natura è solo fonte di sofferenza
    -@ sarah: si è vero, come sempre le crisi sono motivi di rinascita, sto rinascendo anche io piano piano
    -@ sorridente: il lavoro è indispensabile per essere soddisfatti di se stessi, ma non può essere la sola ragione di vita. le ragioni che rendono la vita degna di essere vissuta sono legate a piccoli momenti e io non voglio sacrificarli per niente.

  5. Martina (stapelia) ha detto:

    Ti auguro di non dover mai forzatamente cambiare prospettiva. Sei condivisibile al 100%. Viva la coerenza!!!! Baci Marty

  6. gabry ha detto:

    -@ martina: non so se cambierò prospettiva, so che mi capita di cambiare idea, so solo che al momento la penso così e aver raggiunto certe certezze mi rasserena

  7. AndreA ha detto:

    Alla grande Gabry!! ;))

    Un abbraccioneeeeeeeeee!! 🙂

  8. gabry ha detto:

    -@ Andrea: grazie 😀

e tu come la pensi? Lascia un commento qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...