ieri e oggi

anni60.jpg

“Cara mamma,

ieri sera guardando Anno Zero ho scoperto con orrore e sgomento che tu e l’ex Ministro Castelli avete qualcosa in comune; una visione completamente distorta della realtà in cui la mia massacrata generazione si trova a vivere.

Alla precaria siciliana che raccontava il difficile vissuto quotidiano lui ha risposto parlando di ottimismo e dei ‘sacrifici’ che anche la vostra generazione ha fatto in passato. Cara mamma adesso devo per forza spiegarti, nuovamente, che esiste qualche piccola differenza tra quello che voi chiamate ’sacrificio’ e quello che noi chiamiamo ‘non riuscire ad avere un progetto di vita’.Vorrei partire da alcuni esempi pratici mettendo a confronto le nostre vite.

18 anni hai finito la scuola, diploma alle scuole magistrali, ti sei iscritta all’università, hai frequentato qualche lezione e poi hai scelto di lavorare.

A 21 anni ti sei sposata.

A 23 hai avuto il tuo primo figlio. Intanto papà provvedeva a mantenerti e la tua mamma che abitava nelle vicinanze ti aiutava nella gestione della casa e del pargoletto.

Quando avevi 29 anni sono arrivata io. Nel frattempo avevi iniziato ad insegnare, tu e papà avevate comprato il vostro primo appartamento e la nonna, rimasta sola, si era trasferita da voi consentendoti di tornare a lavorare tranquillamente. Non hai dovuto cercare un nido a cui affidare i piccolini strappati al sonno.

34 anni hai avuto la tua terza figlia e l’appartamento da 90 mq non andava più bene quindi tu e papà avete deciso di prendere una casa più grande in cui ognuno di noi avesse più spazio. E così è arrivato anche il secondo appartamento da 140 mq in un palazzo appena costruito. Poco dopo, stanchi di girare per hotel e case in affitto durante le torride estati siciliane tu e papà avete deciso di comprare una enorme casa al mare. E così è stato, da 25 anni abbiamo il nostro buen retiro su due piani in uno dei luoghi più incantevoli della costa trapanese.

Adesso, per punti, ti illustro la mia vita.

19 anni mi sono diplomata, liceo classico of course perché mi era stato detto che senza laurea non avrei mai fatto nulla nella vita e a 13 anni è difficile capire cosa è bene e cosa è male. Mi iscrivo all’università, sbaglio facoltà, non ho un metodo di studio, insomma tra una cosa e l’altra resto impelagata e bloccata a Palermo fino ai 30. Colpa mia, lo so. Il mio più grosso rammarico, ho perso tempo in una cosa che poi, in fondo, mi è servita a ben poco. Poi decido che a Palermo non avrò mai la possibilità di essere libera né di provare a fare quello che voglio. Quindi mi trasferisco a Milano.

Adesso  lavoro, di anni ne ho 35. Ho un contratto a progetto. Non ho idea di cosa sarà di me tra 12 mesi. A fine contratto non avrò una liquidazione; non ho diritto ad ammalarmi, anzi se mi rompo una gamba e mi assento per un tot di giorni il mio contratto salta e dovrò ricominciare a cercare. Quando si dice ‘la salute prima di tutto’ eh? Nonostante questi piccoli dettagli amo il mio lavoro e potrei definirmi esagerando un po’ ‘una persona di successo’ che ha avuto piccole grandi soddisfazioni e tante dimostrazioni di stima….almeno quelle! )

Convivo, il mio compagno di anni ne ha 33. Da 5 lavora in un settore che dovrebbe dargli un minimo di garanzia, invece lui di garanzie non ne ha. Dopo tre anni di onorato servizio presso un prestigioso istituto bancario, proprio ieri, lo hanno fatto fuori con un ‘preavviso’ di mezza giornata. Da lunedì ricomincia a cercare. Intanto ci ritroviamo monoreddito! Questo significa che dovrà accontentarsi di quello che arriva perché la vita reale, quella di oggi , del 2010, non è dover pagare il mutuo della prima o della seconda casa, non è dover pagare le rate della macchina, non è dover pagare la pelliccia. La vita reale è pagare l’affitto il prossimo mese,  pur non sapendo dove sarai effettivamente tra un mese.  La vita reale è ricoprire ruoli di responsabilità e non contare cmq nulla; è sapere che se lavori male ti fanno fuori in 24 ore ma che faranno lo stesso anche se lavori bene perché non esiste alcun tipo di riconoscimento né di tutela per quello che fai. Nessuno di noi chiede ‘il posto fisso’ come si usava ai vostri tempi, vorremmo soltanto che ci venisse concessa la possibilità di avere un minimo di certezze e di dignità.Possibili soluzioni? Mettersi in proprio? Fare impresa? Certo ci sta anche quello ma non tutti hanno la stessa predisposizione a lavorare in modo autonomo. E se tutti i precari di oggi si mettessero a fare impresa quale sarebbe il risultato?La vostra generazione ha lavorato ma i frutti del lavoro che avete svolto, adesso, sono tangibili; tanto da essere diventati i veri ammortizzatori sociali del 2000. Non è colpa vostra se non capite, purtroppo la vostra esperienza è troppo diversa dalla nostra o forse eravate più incoscienti. Sta di fatto che tu e papà, come tutti i genitori dei miei amici, avete avuto la possibilità di comprare una casa e di realizzare un progetto senza dover chiedere niente a nessuno.Ieri Castelli ha detto alla ‘giovane’ siciliana che sapeva soltanto lamentarsi; invece vi si chiede soltanto di aprire gli occhi. Tu  mi hai insegnato l’importanza dell’essere autonomi;  pensi che adesso potrei mai accettare da parte vostra un aiuto per mantenere quel figlio che non potrò mai permettermi?”

questo post è di Stanton ma dice quello che mi frulla nella testa da un po’. io non convivo, e ho 32 anni, non 35 e non mi sono trasferita a milano…

ma per il resto è tutto esattamente uguale

Advertisements

Informazioni su gabry

la bellezza salverà il mondo
Questa voce è stata pubblicata in gabry's life, Lavoro e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a ieri e oggi

  1. ilpranzodibabette ha detto:

    mi tremano le gambe

  2. gabry ha detto:

    lo so lo so..pensa riportano esattamente le parole che mi girano in testa da tanto tempo…è esattamente e drammaticamente vero…

  3. gabry ha detto:

    -@ stanton: prego, è un post bellissimo e illuminante

  4. Baol ha detto:

    Post terribilmente vero…

  5. gabry ha detto:

    -@ baol:già….

  6. valeriascrive ha detto:

    e’ un dato di fatto che la nostra generazione e’ la prima a stare peggio della generazione precedente. Siamo completamente persi.

  7. gabry ha detto:

    -@ valeriascrive. purtroppo si…

  8. Martina ha detto:

    Complimenti per la chiarezza e la lucidità a Stanton. Questa é la realtà, cruda e dura. Io di anni ne ho 39, ho una figlia nata quando ne avevo 34, dovendomi sentir dire che ero una primipara attempata, sono fuori di casa dei miei genitori da 20 anni, ho avuto la fortuna di scegliere una strada che mi da lavoro e ho un marito che facendosi un mazzo tanto e avendo un po’ di fortuna é un top della sua categoria, ma….Se anche un solo pezzo di puzzle non fosse finito esattamente al posto giusto sarei nella stessa situazione. E con quello che vedo in giro, non ho la certezza che la battaglia sia ancora finita nè se finirà mai.

  9. gabry ha detto:

    -@ martina: che dire, sei una dei pochi fortunati in questo nostro caro Paese…io mi sono laureata in architettura, e in tempi di prosperità economica è una buona laurea, ma in tempi di crisi, chi è che costruisce casa? chi ristruttura? chi si rivolge ad un architetto per arredare?? è tutto piuttosto difficile e la stabilità (economica, sentimentale, personale, lavorativa ecc…) per me è una cosa lontanissima, forse un po’ per carattere e forse un po’ destino…non per altro il mio blog si chiama “quell’insensata voglia di equilibrio” questo non esclude il fatto però che a volte l’equilibrio mi servirebbe

  10. sorridente ha detto:

    Vien da piangere leggendo questo bellissimo post. Io un futuro non solo non riesco a vederlo, ma nemmeno ad immaginarlo… che tristezza…

  11. Stanton ha detto:

    Ce la faremo! Teniamo duro! 🙂

  12. gabry ha detto:

    -@ sorridente: si viene da piangere per l’incertezza assoluta nella quale siamo costretti a vivere e non siamo per niente una priorità per i nostri cari governanti
    -@ stanton: tenere duro….purtroppo non possiamo fare altrimenti…

e tu come la pensi? Lascia un commento qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...