addii

giornata assolata e calda di luglio

un uomo e una donna sul lungomare di una città del sud si abbracciano. si stringono forte. lei chiude gli occhi e poggia il viso sulla spalla di lui, in quel posto che sembra l’unico posto giusto in cui il suo viso può stare. lo abbraccia forte e apre le mani sulla schiena di lui per potere toccare più superficie possibile del suo corpo.

lui la abbraccia e la stringe. con una mano sulla schiena di lei e una all’altezza dei fianchi se la stringe addosso, come se lei rischiasse di volare via come un palloncino ad un bambino.

ma lei non vuole andare via. le braccia di lui sono il posto migliore in cui lei sia mai stata.

lui con gli occhi chiusi respira il profumo dei capelli di lei e poggia la sua guancia tra quei capelli lunghi e scuri.

lei è alta e ha i tacchi, eppure tra le braccia di lui si sente una bambina da difendere e proteggere.

lui la avvolge con le sue braccia, e con quell’abbraccio la difende e la protegge.

al di fuori di quell’abbraccio la città che vive, il sole continua a splendere, il mare calmo, un po’ più in là, infrange le sue onde sulla battigia, passano le macchine a pochi metri da loro, qualcuno passo loro accanto. ma lei non se ne accorge.

esistono solo loro due e quell’abbraccio

si stanno dicendo addio, forse per sempre…

lei si stacca un po’ da lui. fa per andarsene poi si gira di nuovo prende una mando di lui e si stringe di nuovo tra le sue braccia. lui le bacia le guance, la fronte. poi si guardano negli occhi.

lui le dice: “poi può essere solo peggio, lo sai vero?”

lei lo guarda e risponde solo “lo so!”

si baciano…il loro primo e forse ultimo bacio

subito dopo lei si infila nella sua macchina mette la retromarcia e scappa via da lui.

lui si infila nella sua macchina mette la prima e fugge lontano da lei.

si allontanano l’uno dall’altra.

lei piange….

lui non lo so…

Annunci

Informazioni su gabry

la bellezza salverà il mondo
Questa voce è stata pubblicata in a little bit of sadness, gabry's life e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a addii

  1. bri ha detto:

    pof..sob.. 😦
    bacino!!

  2. verdeve ha detto:

    uhm,storia triste ma non certo definitiva chiusa al 100%.
    i destini si incrociano,si abbandonano e a volta si rincontrano
    anyway..
    ciao tesoro..
    sono emigrata..

  3. Martina ha detto:

    Inverti la marcia e corrigli dietro….L’unico modo per dirsi addio accettabile é quello di detestarsi e prima di detestarsi ci vuole tempo…E magari ci vuole proprio TANTO tempo….Magari si passano un sacco di cose belle prima di detestarsi….Donna, non ti fare scappare la possibilità di avere il tempo per imparare ad odiarlo! SU!

  4. gabry ha detto:

    -@ bri: grazie prendo il bacino e lo tengo tutto per me
    -@ verdeve: è vero e le strade di quell’uomo e quella donna si sono incrociate tante volte prima…e chissà se si incroceranno di nuovo
    -@ marty: tesoro se fosse così semplice l’avrei già fatto, ma a volte le cose non sono facilmente gestibili…e tutto si complica…

  5. icoloridellarcobaleno ha detto:

    Mi dispiace tanto tesoro…speravo andasse in modo completamente diverso. Ti abbraccio forte.

  6. suysan ha detto:

    Hai descritto così bene questo addio che mi sono sentita come se fossi io a mettere la retromarcia e a scappare da lui!
    Mi dispiace che sia andata così!

  7. pomodora ha detto:

    spero che lei non lo rimpianga mai… troppo straziante.

  8. gabry ha detto:

    -@ sorridente: tesoro il fatto è che ancora non capisco bene come sia andata…
    -@ suy: ho descritto quello che è successo…o forse solo quello che ha vissuto la donna e come ha vissuto la donna quel momento…
    -@ pomodora: penso che lo rimpiangerà per tanto tempo….

  9. gabry ha detto:

    -@ beppestarnazza: 😦

  10. LALE ha detto:

    espirare Uff.. uff.. respirare.. fuuu fuuu…espirare… uff uff respirare…
    Spero che non si sia fatta tutto il viaggio di ritorno in retromarcia…certe donne al volante fanno più danni che con il cuore. 😉

  11. gabry ha detto:

    -@ lale: eh no…poi ha ingranato la prima e la seconda…pensa ha anche messo la quinta in autostrada..
    ps. cuore??? quale cuore????mica mi ricordo di avercelo più uno di quegli aggeggi lì

  12. Mamba ha detto:

    post bellissimo.
    ma…storia triste.
    dev’essere successo qualcosa di veramente brutto tra queste due persone che si sono dette addio. perchè sembrano due persone che si vogliono molto bene quindi nn capisco cosa li abbia spinti a dirsi addio…addirittura con un bacio poi, il primo e l’ultimo…
    il primo? quindi la storia nn è neanche mai cominciata. e già si dicono addio?
    ma perchè? perchè causarsi tutta questa sofferenza? perchè tutta questa paura? perchè rendere sempre le cose più complicate di quello che in realtà nn sono?
    oppure lo sono…ma cosa ci può essere di così terribile da allontanare due persone che si vogliono bene?
    se si sono dette addio ci dev’essere veramente un ragione importante……perchè altrimenti sarebbe stato molto più semplice, stringersi forte, baciarsi, prendersi per mano e passeggiare insieme, vicino al mare, godendo della presenza e dell’amore dell’altro…senza chiedersi “e dopo?” – “e poi?” – “e se…?”

    ma io parlo senza conoscere i fatti…quindi…mi limito ad abbracciare fortissimo quella splendida ragazza.

  13. gabry ha detto:

    -@ mamba: non è successo niente di brutto tra queste due persone… non ci sono altre persone di mezzo, non ci sono mogli, mariti o figli di mezzo…c’è la lontananza, tanta, c’è un lavoro, quello di lui, difficile che lo porta spesso in posti e in situazioni che non sono semplici da gestire, c’è la passione e la voglia di stare così vicini che per quanto possano esserlo non lo saranno abbastanza, c’è la consapevolezze che, nonostante questo, potrebbe solo essere una sofferenza stare insieme a queste condizioni, e piuttosto che correre il rischio di distruggersi a vicenda, quelle due persone decidono di non creare quello che potrebbe esserci e di abbandonarlo….
    tutto triste lo so…

    • Diemme ha detto:

      Quanto ti capisco… amarsi, e decidere a tavolino che “non è cosa”, la vita ci porta lontano, non dà spazio all’essere insieme, e stare ben attenti a non passare il limite “perché poi dopo sarebbe peggio”: ma sarebbe veramente così? La storia non vissuta non alimenta il mito?

      Io credo di sì.

      Comunque, post bellissimo: I like it really 😉

      • gabry ha detto:

        si forse è vero, la storia non vissuta alimenta il mito, soprattutto perchè non si ha la possibilità di capire davvero chi è l’altro, e così resta quella persona perfetta che hai costruito dentro di te…e probabilmente è così anche per me….ma probabilmente è una cosa che non so se scoprirò mai.
        grazie per i complimenti 😀

  14. Mamba ha detto:

    accidenti. la lontananza è un’ottima ragione per nn iniziare una storia. è un sacrificio troppo grande stare lontani.

  15. pasqualina02 ha detto:

    What sadness….mi spiace… 😦
    a volte è peggio stare male stando insieme, che esserlo stando da soli…buona giornata

  16. gabry ha detto:

    -@ mamba: ripeto, purtroppo non è solo la distanza, ma anche il suo lavoro… tutto troppo complicato…difficile abbandonarsi ma troppo complicato andare avanti…
    -@ pasqualinao2-saccottino: si un po’ di tristezza ma a volte le cose vanno come devono…e poi il destino deciderà…

  17. Luca ha detto:

    Proprio in questi giorni ho in mente scene del genere: sia perchè ne sono stato protagonista, sia perchè sono stato brutalmente vittima di un addio. Una ferita che continua a rimanere aperta nonostante il tempo. La foto che hai messo mi ricorda uno dei mille video su youtube con la colonna sonora di “Lasciarsi un giorno a Roma”: praticamente parla da sola, poi il tuo post contribuisce a fare emozionare.
    Ma come ha già detto qualcuno…è un addio definitivo?

  18. gabry ha detto:

    -@ luca: gli addii sono sempre brutti. io li odio. non riesco a chiudere una porta e a dire addio a qualcuno… probabilmente il mio addio è definitivo…anche se vorrei tanto non lo fosse…ma il destino deciderà per me

  19. Innocenti Evasioni ha detto:

    Posso solo aggiungere che il 14 luglio, oltre a essere la data simbolo della Rivoluzione francese, porta pure una discreta sfiga in amore…

  20. gabry ha detto:

    -@ innocentievesioni: sei stato colpito da una sorta simile???? 🙂

  21. gabry ha detto:

    ti capisco pat pat (pacca sulla spalla) mi sa che sto giorno me lo segno sul calendario e l’hanno prossimo resto a casa a letto con i cellulari spendi e non rispondo neanche al citofono….

  22. Diemme ha detto:

    E ora? Sviluppi? Novità?

    Ho riletto anche i miei commenti, senza riconoscermici troppo: io non l’avrei lasciato andare se non c’erano altre persone di mezzo, me la sarei vissuta coi mezzi a disposizione; poi, magari, sarebbe finita da sola, ma in maniera meno straziante e lasciando meno strascico di rimpianti.

    Oppure no.

e tu come la pensi? Lascia un commento qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...