quando si spezza un cuore

25334_1382737164527_1114895489_1191330_124736_n.jpg

“Se un piatto o un bicchiere cadono a terra senti un rumore fragoroso.

Lo stesso succede se una finestra sbatte, se si rompe la gamba di un tavolo o se un quadro si stacca dalla parete.

Ma il cuore, quando si spezza, lo fa in assoluto silenzio.

Data la sua importanza, ti verrebbe da pensare che faccia uno dei rumori più forti del mondo, o persino che produca una sorta di suono cerimonioso, come l’eco di un cembalo o il rintocco di una campana. Invece è silenzioso, e tu arrivi a desiderare un suono che ti distragga dal dolore.

Se rumore c’è, è interno. Un urlo che nessuno all’infuori di te può sentire. Un boato così forte che le orecchie rintronano e la testa fa male. Si dimena nel petto come un grande squalo bianco intrappolato nel mare; ruggisce come la mamma orsa a cui è stato rapito il cucciolo. Ecco cosa sembra e che rumore fa. È un’enorme bestia intrappolata che si agita, presa dal panico; e grida come un prigioniero davanti ai propri sentimenti. L’amore è così…nessuno ne è indenne. È selvaggio, infiammato come una ferita aperta esposta all’acqua salata del mare, però quando si spezza il cuore non fa rumore.

Ti ritrovi a urlare dentro e nessuno ti sente.”

Cecelia Ahern, da “Se tu mi vedessi ora”

Advertisements

Informazioni su gabry

la bellezza salverà il mondo
Questa voce è stata pubblicata in a little bit of sadness e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a quando si spezza un cuore

  1. arthur ha detto:

    Forse è meglio che nessuno senta: non potrebbero capire.

  2. Martina ha detto:

    Perchè quando si trattano certi argomenti mi sembra che certe frasi le abbiano scritte solo per me????

  3. Simo ha detto:

    …descrizione perfetta…

  4. pomodora ha detto:

    mi ricorda un mio vecchio post di maggio del 2007, mi ricordo quei momenti molto molto bene…

  5. gabry ha detto:

    -@ arthur: e se invece capissero? forse fingere il silenzio non è sempre la cose migliore…–@ marty: forse perchè davvero parlano anche di te…
    -@ simo: lo so tesoro…
    -@ pomodora: ora lo vado a leggere 🙂

  6. valeriascrive ha detto:

    ma come e’ vero.

  7. verdeve ha detto:

    nel tempo le ferite si rimarginano,restano le cicatrici che a seconda delle stagioni si fanno sentire, ma nulla rispetto alla ferita..fidati

  8. monachella ha detto:

    mmmmm, il mio sta ancora battendo per inerzia, anche se spesso penso di essere bradicardica, forse è già stanco.
    Come tanti piccoli infarti, molte parti sono spente per sempre ma so che il cuore ha diversi pacemaker naturali, confido in quello e nel mio potenziale di membrana, capace di incediare tutta me stessa.

  9. gabry ha detto:

    -@ veleriascrive: purtroppo si…
    -@ BB: ne sono consapevole, ma so per esperienza che a furia di ferite il cuore si indurisce…
    -@ monachella: se riesci ancora ad incendiarti è già una gran bella fortuna 🙂

  10. monachella ha detto:

    @gabry: speriamo di riuscirci ma ho una tuta ignifuga enormeeeeeeeee!

  11. verdeve ha detto:

    ..ti posso dare un po di olio o cremine varie per farlo ammorbidire
    🙂

  12. gabry ha detto:

    -@ monachella: io ormai non ho più neanche bisogno della tuta, sono ignifuga di mio 🙂
    -@ BB: tutti gli oli e le cremine sono ben accette, male che va sarò tutta profumata 🙂

  13. pasqualina02 ha detto:

    Il mio cuore è diventato selettivo, per alcuni si incendia ancora, per altri è come se fosse un ghiacciolo…conseguenza di ferite vecchie e forse non ancora rimarginate…

  14. Federica ha detto:

    mi piacerebbe leggerlo questo libro, la citazione è proprio bella! 🙂

  15. gabry ha detto:

    -@ pasqualina: la selettività è fondamentale, credo che tu abbia trovato l’equilibrio. saper gestire e selezionare le persone che meritano da quelle che non meritano nulla è la meta di un lungo viaggio. quindi sei fortunata ad esserci arrivata
    -@ federica: si è vero, questo pezzo è assolutamente reale. Ben venuta 🙂

  16. Farnocchia ha detto:

    Io mi ritrovavo ad urlare con la faccia in mezzo al cuscino…era l’unico modo per tirare fuori quella rabbia che mi bolliva dentro.
    (lo ripeto sempre, il cuore spezzato non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico)

  17. olivia ha detto:

    ..già……….. ma poi si torna a camminare ..ridere ..scherzare ..sentire ..sorridere ..poi però ..con calma alle volte….

e tu come la pensi? Lascia un commento qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...