resoconto di 3 giorni speciali

è stato tutto deciso dall’oggi al domani, un amico voleva andare a vedere la finale di coppa italia a roma e andava in macchina, andava da solo, e mi sono detta, perchè no? quasi quasi vado anche io…. e così sabato mattina alle 9 eravamo in macchina per attraversare l’Italia. Dopo aver lottato con il tom tom che mia sorella aveva impostato in modalità “a piedi” senza dirmelo, e che quindi ci voleva far andare a prendere l’aeroporto, e dopo esserci quasi imbarcati nel traghetto sbagliato, abbiamo affrontato la Salermo -Reggiocalbria… ragazzi miei, io non so se avete mai visto o percorso quella autostrada, ecco è molto peggio di come immaginate…davvero. quel tratto di autostrada è un vero e proprio calvario e se hai la sfortuna di beccare un mezzo che procede lentamente, rischi di passarci la vita in quella monocorsia…
Piccola sosta tecnica all’autogrill nei pressi di Napoli e di nuovo in viaggio. dopo quasi 11 ore di macchina siamo arrivati nella capitale al tramonto,
accolti da una fila micidiale al casello che, però, abbiamo superato con una risatona avendo il telepass (uhhh che bella invenzione!). a questo punto destinazione, come avevo scritto nel post precedente, in un B&B in viale del Vignola che è un ottimo compromesso tra due esigenze, quella di andare allo stadio (il mio amico) e quella di andare per negozi (mia), perchè era davvero a 5 minuti a piedi dall’olimpico e a qualche passo in più per via Condotti, via del Babuino e via del Corso (bastava solo percorrere via Flaminia). Sistemati nelle camere siamo andati a cena a piedi al ristorante Tiepolo che, come ho scritto nel post precedente, assolutamente ve lo consiglio (tranne per il peggior caffè della mia vita, ma vabbè non si può mica aver tutto) e poi subito a ninna che 11 ore di viaggio mi avevano veramente provato. l’indomani sveglia tardi, giornata stupenda e caldo micidiale, ho poltrito un pochetto dopo aver fatto colazione, e poi giù a pranzo sempre al Tiepolo, riposino pomeridiano e alle 3.30 sono scesa per iniziare il mio giro per vetrine. io amo camminare a piedi, e decisamente Roma è una città da percorrere a piedi, con calma, si scoprono angoli stupendi che riescono sempre a strapparti un sorriso e un sospiro… insomma, sto camminando a piedi in via Flaminia, quando ad un certo punto mi trovo immersa in un onda umana rosa-nera…i tifosi del Palermo che già alle 3 del pomeriggio si

avviavano allo stadio cantando e sventolando bandiere…mi viene da ridere…sono immersa tra siciliani nonostante sia lontanissima dalla Sicilia… arrivo a piazza del Popolo, e ragazzi, mi si apre un sorriso che va da orecchio ad orecchio, senza un perchè, solo per il fatto di essere lì, a piazza del Popolo, davanti all’obelisco e alle quattro fontane con i leoni…insomma, stavo bene per il solo fatto di essere lì…e poche città mi danno questa sensazione, anzi sono solo 2, Roma appunto e Parigi…ma per motivi diversissimi e con sensazioni differenti.
Lì vicino, sulla scalinata che si arrampica nei giardini di Villa Borghese c’è l’installazione di Green Peace contro il nucleare, grandi quelli di Green Peace, davvero grandi! (ve lo ricordate che si vota il 12 e 13 giugno contro il nucleare vero??? abbiamo un referendum, 4 Si e passa la paura 😉 ). comunque, dicevo che arrivata a piazza del Popolo (per la cronaca, anche lei invasa da tifosi in rosa-nero 🙂 ) mi sono diretta nella stradina che nella foto sopra è a sinistra che è via del Babuino, e come prima cosa mi sono goduta il “mood” di Roma, ho guardato tutte le vetrine, le persone che mi passavano accanto e i colori, gli odori…tutto insomma 🙂 . sono passata  da GENTE (il negozio che vende Louboutin), a parte che voglio fare una nota di merito al ragazzo che era davanti alla porta per l’antitaccheggio (alto, bel fisico, occhi stupendi, di colore…molto molto carino) ma poi non sono entrata a provare perchè c’era dentro il negozio, quel tipo di commessa che scoraggia dall’ingresso. truccatissima, tiratissima, capello super in piega, biondo, con extension, unghia lunghe e laccate, tutte con l’occhio puntato alla porta d’ingresso pronte a saltarti addosso al varcare della soglia…nono non me la sono proprio sentita…ma in compenso ho sbirciato dalla vetrina e subito dopo mi sono rigenerata guardando il negozio Chanel!
Ma la mia prima vera e propria tappa da shopping è stato il negozio MAC cosmetics. vi devo dire la verità, quando ho saputo che sarei andata a Roma la prima cosa che ho cercato è dove fosse il negozio MAC e ho anche chiamato al negozio per assicurarmi che domenica 28 fossero aperti (vuoi mettere la disperazione che avrei provato nel trovare il negozio chiuso dopo aver affrontato 11 ore di macchina???) nono non penso che ne sarei uscita indenne da una simile delusione 😉 . entrata nel negozio MAC, che vi devo dire, mi sentivo come se fossi Alice nel paese delle meraviglie…ho fatto il primo giro guardando tutto, il secondo provando tutto, il terzo facendo una prima cernita delle cose che avrei voluto prendere e il quarto chiedendo ad un commesso molto gentile, di prendermi le cose che avrei voluto acquistare… ho preso delle cose bellissime e ho speso uno sproposito, però in compenso la signorina mi ha regalato 4 campioncini di pigmenti a dir poco stupendi…ero quasi più entusiasta per quello che per le mie compere…per la cronaca, ho preso 2 pigmenti, un correttore, due ombretti il tutto per il modico prezzo di 94,80 euri…sono folle lo so…ma è una mia passione che posso farci? ad ogni modo, se vi va, presto vi farò un post su questi acquistini MAC, intanto vi faccio vedere la busta con dentro il mio “tesoro”… che vi devo dire, ero al settimo cielo per quegli acquisti e credetemi se vi dico che mi sarei portata via praticamente tutto il negozio… beh io sono felice così eheheh.
continuando la mia passeggiatina per via Del Babuino arrivo al negozio di Giuseppe Zanotti…per fortuna era chiuso perchè altrimenti sarei svenuta dietro un paio di sandali con mille e mille svarowsky applicati ovunque e ad un paio di sandali che avevo visto su un giornale e che ho amato a prima vista (fotina allegata pliz), e non so voi ma secondo me mi starebbero benissimissimo ai piedini, vero??? e poi costano solo 580 eurini, un vero affare no???? si vabbè, procediamo va…
comunque, come vi dicevo mentre passeggiavo mi sentivo proprio bene, avevo una sensazione di reale benessere nel passeggiare per Roma, mi sono sentita “viva” piena di voglia di fare, di voglia di agire, di riprendere la mia vita che ho messo in stand by per troppo tempo. mi è venuta voglia di tornare ad essere quella che ero…semplicemente stavo bene…Roma mi fa anche questo…
passeggiando passeggiando ho trovato un altro negozio di scarpe che adoro…Sergio Rossi!!!

e lì , in vetrina, c’erano le scarpe che guardo on line da un po’ di tempo, pensando che siano strabelle (che ci posso fare se amo le scarpe??) le ho fotografato la vetrina con lr scarpine in bella mostra..io le preferirei rosa cipria, ma non ci sputo di certo neanche a queste nere e grigie…in fondo costano solo 950 eurini…anche questo è un vero affarone…però che bello vedere dal vivo le cose sulle quali sbavi su giornali e riviste, ti rendi conto che esistono anche in 3d ahahah!!!
Insomma passetto dopo passetto sono arrivata finalmente a trinità dei monti, che diciamocelo, in qualsiasi modo, stagione, periodo, condizione psicofisica, meteorologica ecc… è sempre stupenda! chi può restare indifferente davanti a tutto questo???

da qui inizio la passeggiata nell’altro cateto del triangolo della moda, e cioè via Condotti, che neanche a dirlo mi accoglie con GUCCI (chi altri se no??? Frida Giannini mon amour!!!!) e con una giapponesina che felice come una pasqua si fa fare una foto davanti alle sue vetrine…uhhh come la capisco eheheh!
dopo una lunga, innamorata e languida occhiata alla vetrina Gucci ho proseguito per via Condotti…Bulgari, Prada, Damiani…e per ogni vetrina io ci lasciavo un pezzo di cuore (ma per fortuna nessun pezzo di portafogli…sarebbe stato troppo anche per il mio povero conto, ne sarebbe uscito irrimediabilmente compromesso).
sosta a parte hanno meritato le vetrine di Jimmy Choo (scarpe scarpe e ancora scarpe!) e la vetrina di Alberta Ferretti, che è una delle mie stiliste preferite in assoluto… chiaramente dalle vetrine davo anche una sbirciatina dentro…vuoi mettere? tutta roba che costa un occhio, ma sognare non costa nulla no? 🙂
intanto nonostante fossero ormai le 17 passate c’era un caldo infernale, 27°, e andare in giro crea arsura, quindi sosta per bere un coca cola light che sinceramente pensavo mi costasse quando un paio di scarpe Louboutin e invece me la sono cavata con 2 euri…conveniente no?
tra una passeggiatina e l’altra e tra una vetrina e l’altra chiamo anche Lale, lui sarebbe stato il compagno perfetto per il mio giretto, a dire il vero avevamo anche pensato di vederci (insieme a Pomodora, in fondo per loro Roma era raggiungibile con poche ore di treno, ma il fatto che io fossi libera solo nel pomeriggio e che il loro viaggio sarebbe costato 90 eurini a testa per stare insieme solo poche ore, ci ha un po’ scoraggiato, ma tanto organizzeremo al più presto, vero amicici???? quindi dicevo che ho chiamato Lale per dirgli cosa avevo fatto, cosa avevoc comprato, quanto avevo speso e dove ero di preciso…che bello avere qualcuno che capisce i tuoi attacchi di follia entusiasta davanti a certe vetrine, che capisce e non mi prende per totalmente matta anche quando gli dico: “Ale io qui sto bene, questo è il mio habitat, vivrei qui, in questo posto, anzi anche in questa strada, in questo marciapiede… un angolino nel marciapiedi di fronte a Louboutin e io sto bene” ecco, Lale è quel tipo di persona che non pensa che io sia matta o frivola se affermo cose simili 🙂 .

arrivata alla fine di Via Condotti, o meglio, arrivata nel punto in cui Via Condotti incrocia Via del Corso, mi si palesa davanti, in tutto il suo splendore, palazzo Fendi. e lì iniziano una serie di ricordi, e forse un giorno vi racconterò di uno dei rimpianti più grossi che ho e che è legato a quel posto, cosa che risale ormai a quasi 6 anni fa. a volte certe decisioni cambiano inesorabilmente il corso della propria vita, ma tant’è… insomma, arrivata all’incrocio con Via del Corso, si pone l’annoso problema: da quale parte andare? dopo un’attenta riflessione e valutazione di pro e contro (si si come no) decido di avventurarmi nella parte di Via del Corso che mi porta indietro verso Piazza del Popolo, anche perchè, nel frattempo, sono passate quasi 3 ore e si avvicina il momento di rientrare, dopo un rapido passaggio da sephora, dove ho preso un primer fantastico di Urbandecay, mi sono imbattuta in quello che più che un negozio, era il paese delle meraviglie: il negozio Camomilla!!!
 per una bambina non cresciuta come me è stato come visitare un bellissimo negozio di giocattoli. avrei voluto comprare di tutto, e devo dire che mi sono pentita di non aver preso soprattutto un paio di cosine (ma mi sto adoperando per cercare un rivenditore nella mia città per recuperare l’acquisto 🙂 ), una però cosa l’ho presa, e cioè, uno splendido specchietto da borsetta di Hello Kitty (Pomodora, non vomitare ti prego uahahahah)
ma ditemi voi se non è carinerriomo! e poi mi è costato solo € 5,50…e se ve la devo dire tutta, lo volevo proprio da tanto tempo. 😀

e con questo ultimo acquisto si sono fatte le 20, i negozi chiudevano e io sono rientrata nel mio B&B

il rientro nella mia città con partenza lunedì alle 10 del mattino, è stato qualcosa di lunghissimo, 13, e dico 13 ore di autostrada delle quali 3 ore perse tra Salerno-Reggiocalabria e imbarco…no davvero bello vivere al sud, meno male che vogliono fare il ponte sullo stretto, che con la Salerno -Reggiocalabria che è un’autostrada velocissima, ci serve proprio sto ponte…ma vafancù…

però il mio rietro è stato allietato dall’ascolto per radio dei risultati del ballottaggio…e dico solo una cosa, i miei stupendi 3 gg non potevano finire meglio….

Annunci

Informazioni su gabry

la bellezza salverà il mondo
Questa voce è stata pubblicata in che vita!!, cronache di vita quotidiana, Facili entusiasmi per roba da poco, fashion, fashion addicted, fashion girl, gabry nel paese delle meraviglie, gabry's life, i miei viaggi per il mondo, Il trucco c'è, joy, Make up, me myself and I, moda, passioni, politica, resoconti di viaggio, shopping folle e disperatissimo, una signorina con la valigia. Contrassegna il permalink.

13 risposte a resoconto di 3 giorni speciali

  1. pomodora ha detto:

    Hai presente quando fabio volo metteva l’audio di Chuck dei goonies che vomita! ecco, su hello kitty è partito dalla regia quel suono http://www.youtube.com/watch?v=LSAhOt1TS1M

  2. brì ha detto:

    fino allo specchietto di hello kitty… eri una persona degna della mia stima hhahahahahahahahahha

  3. gabry ha detto:

    -@ Pomodora: mi credi che mentre lo compravo pensavo a te?? ahhahah
    -@ Brì: ma daiiiiiiiiiiii è carinerrimo…. vabbè vabbè, c’ho 33 anni….ma a me piace assai ahahahha

  4. Diemme ha detto:

    Quanto mi dispiace non averti potuto incontrare!

    Tu pensa che io al centro ci lavoro, e quelle vie me le passo tutti i giorni, occhi bassi, corri corri corri in ufficio che è tardi! E’ proprio vero, chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane.

    Generalmente non ci torno volentieri nel we, ma per te un’eccezione l’avrei fatta volentieri, e finalmente avrei visto quelle vie e quei negozi con altri occhi.

    Alla prossima comunque, farò di tutto per esserci!

    • gabry ha detto:

      dai dai , ci rifaremo…sappi però che ti invidio tanto, io adoro quei posti, ci sto bene e mi sento “a casa”. come mai non ti piace?

  5. arthur ha detto:

    Ma come, sei stata a Roma e non hai detto nulla?

    Beh, io non c’ero! 🙂

    ‘nnagg…

  6. velvet ha detto:

    ma che meraviglia !!! Roma è stupenda …. se poi mi fai la telecronaca dei negozi…..:-)))
    lo specchietto di hello kitty l’avrei preso pure io …ma per mia figlia di 10 anni !! 😀
    un abbraccio e buon week

  7. lale ha detto:

    Non sai quanto mi sono pentito di non aver fatto quel colpo di testa. E’ vero, sarebbero state solo poche ore, ma lo avrei fatto … Primo perché a vicenda ci saremmo spalleggiati davanti a tutte ( e dico tutte ) le vetrine; secondo perché dopo le note vicende di cui siamo capaci (vedi alcuni post fa) non solo avrei varcato con te la soglia di OGNI negozio, ma ti avrei fatto provare “la qualunque”, rimandando gli acquisti al giorno successivo (!)oppure invitando, con aria annoiata, i commessi a tenermi da parte la roba che sarei passato in serata…… (hem..hemm)…
    Allora .. quando si organizza questo randevouz ?

  8. gabry ha detto:

    -@ arthur: veramente ne ho parlato per ben 3 post 3. si vede che non mi leggi spesso!!! (visto sei anche riuscito a farti cazziare eheheheh)
    -@ velvet: anche io adoro roma, sempre comunque e in qualsiasi modo. ps quando ho preso lo specchietto, lì per lì ho detto alla commessa “guardi lo so che ho 33 anni ma a me piace, che posso farci??” risposta: “non si preoccupi, non vendiamo quasi esclusivamente ad adulti, quasi mai per bambini” mi sono consolata eheheh
    -@ Lale: mannaggia, penso che ci saremmo divertiti come pazzi, Roma è la città perfetta per noi. penso che insieme a te sarei entrata ovunque e provato qualsiasi cosa. dobbiamo assolutamente pensare di fissare un w.e. insieme 😀

  9. Nise ha detto:

    belle foto ♥ Bellissima Roma eh!?

  10. gabry ha detto:

    -@ Arthur: 😀 ;P
    -@ Nice: si stupenda, è il regno delle cose belle 😀 ci vivrei per sempre…

  11. arthur ha detto:

    ‘nnagg… 🙂

e tu come la pensi? Lascia un commento qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...